Secondo Pneumotorace spontaneo

 

Scusate per il mio assenteismo di queste ultime due settimane

e mezzo ma sono stata ricolpita da un pneumotorace

spontaneo come a ottobre.

Speravo non mi ricapitasse invece dopo 3 mesi rieccoci qua

ad affrontare un altro pneumotorace spontaneo stesso polmone stessa storia: mercoledì di corsa a fare la radiografia,

via a Careggi, l’attesa dalle 20 fino alle 16 del giovedì

su una barella in un corridoio al Pronto Soccorso,

finalmente si libera un letto ma non e’ la mia destinazione finale

ma intanto ho una sistemazione a medicina generale, con situazioni disperate dove la più giovane ha 90 anni.
Reparto dal quale volevo scappare, nessun confort e il tempo

non passa mai, conto i secondi. Mi dicono che venerdì probabilmente riusciranno a operarmi mi illudo che sia così

resto digiuna faccio l’app.to con l’anestesista, invece imprevisto

con l’ intervento prima di me, si allungano i tempi

e mi dicono che si va a lunedì.

( il venerdì operano mezza giornata e il w-end a meno chè non ci siano questioni di vita o di morte non si opera … sorvoliamo)

Piango come una vite tagliata, poi mi rassegno e penso che comunque va fatto perchè così dopo starò bene e il problema

sarà’ risolto.
Mi manca tutto soprattutto mi mancano loro, Vieri e Vanni.

Ma a casa Filippo e mamma son bravissimi, portano avanti casa e la famiglia senza l’aiuto di nessuno.

A lunedì bisogna arrivare quindi il tempo va fatto passare,

faccio amicizia con le mie compagne di stanza, imbocco

( Adrian da me così ribattezzata) vecchietta con chioma bianca piccoletto di 90 e passa anni col broncopolmonite che è sempre

con gli occhiali da sole, durante il giorno dorme per lo più e durante la notte chiacchiera a dritto nel sonno chiedendo spesso della tombola e del mare🤦‍♀️

Faccio amicizia con tutti insomma, e così si arriva la sera di domenica; il trasferimento in chirurgia toracica e finalmente

anche una compagnia più giovane Martina 21 anni, ci siamo fatte forza a vicenda.
Lunedì alle 6.15 sveglia, doccia pre intervento camice e cuffia.
Aspetto, conto i secondi e poi arrivano a prendermi.

In sala aspetto circa un ora sdraiata su quel lettino con tantissima gente intorno che parla … fino a quando mi mettono una mascherina e al terzo respiro m’addormento: ore 8.53
Esco dalla sala sveglia, non capisco nulla ho l’ossigeno

e tantissimo dolore.
In camera trovo Pippo e mamma ad attendermi visibilmente tesi.
L’operazione e’ andata ma i dolori post intervento son tanti

in più’ il drenaggio interno.

Passano i giorni spero di uscire giovedì 7 febbraio per il mio compleanno, questo era l’obbiettivo e quello che mi era stato promesso dai medici, invece iniziano le complicazioni.

 Venerdì si sfila il drenaggio … di corsa me lo rimettono senza alcuna anestesia.
Sabato, dopo l’ennesima radiografia decidono che e troppo dentro

e lo tirano fuori di 3/4 cm.

Convinta che vada tutto bene lunedì rifaccio la radiografia di controllo, dopo poco arriva in stanza il mio chirurgo agitato

e mi dice che il drenaggio è messo male e va riposizionato.
Di nuovo lo riposizionano e mi mettono 2 punti in più a freddo sempre tutto senza alcuna anestesia.

Non ne posso più’ non vedo la fine, sono visibilmente provata.
Per fortuna la fine e’ arrivata mercoledì 13 febbraio dopo due estenuanti settimane.

Finalmente mi hanno tolgono il drenaggio, si può uscire!!!
Sono tornata a casa ho riabbracciato i miei cari ma soprattutto quando son tornati a casa i ragazzi e ho aperto io, erano senza parole quanti abbracci e quanti baci!

Non li vedevo dal 28 gennaio …
Tutto questo non e’ finito c’è’ una degenza, ci sono i punti (6)

ci sono regole da rispettare, riposo assoluto,  ci vuole ancora pazienza ma l’intervento e’ risolutivo.
Voglio ringraziare la mia mamma e  mio marito,

 tutte quelle persone che si sono fatte vive ogni giorno,

che mi sono venute a trovare, che mi hanno fatto la sorpresa

per il mio compleanno … che non mi hanno mai permesso

di abbattermi anche quando non ne potevo più,

quando non rispondevo più’ al cell, per i fiori il cibo

per il tanto affetto ricevuto anche da persone che non avrei immaginato e che mi hanno piacevolmente stupita,

poi ovvio ci sono anche quelli che riescono a deluderti anche in questi momenti, ma sono pochi e i soliti tristi invidiosi

anche in una situazione cosi🤦‍♀️
Sono felice oggi più che mai perché’ ho sofferto tanto ma sono arrivata infondo e cel’ho fatta!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Written By
More from admin

B-Day my Daddy

Non voglio rattristare nessuno, ma dato che questo blog parla di me,...
Read More

10 Comments

Comments are closed.